6 previsioni sul futuro della fotografia nei dispositivi mobili

6 previsioni sul futuro della fotografia nei dispositivi mobili

La qualità delle fotocamere è uno degli aspetti più importanti di uno smartphone. In pochi si domandano se la qualità delle chiamate possa essere migliorata, piuttosto le persone desiderano fotocamere migliori per aumentare la qualità dei propri scatti.

Con le app sarà possibile avere un pieno controllo manuale, regolare il focus, il bilanciamento del bianco, l’ISO e l’esposizione, aprendo un mare di opportunità per gli sviluppatore. Questo sarà un grande step che offrirà gli smartphone photographer più libertà di espressione.

Evgeny Tchebotarev, founder di 500px ha elaborato una lista di 6 previsioni sul futuro della fotografia nei dispositivi mobili.

1- Fotocamere più convenienti per un dispositivo più compatto.

Pensate al Sony RX1. Probabilmente la miglior sorpresa che che è stata introdotta nel Sony A7, A7r e A7s, che ci ha mostrato che è possibile mettere un sensore full frame in un corpo molto compatto. In futuro si vedranno ancor più camere con lenti fisse e interscambiabili. Si assisterà ad una caduta dei prezzi e all’espansione del mercato. Il costo dei sensori sarà sempre più significativo, per tale ragione i prezzi dei dispositivi full frame non scenderanno al di sotto dei 1500 dollari.

2- Le fotocamere “Mirrorless” saranno ancora più piccole.

Noi abbiamo già assistito all’inizio di tutto ciò. L’ingombrante DSLRs è stata sostituito da una più compatta fotocamera, anch’essa poi rimpiazzata dagli smartphone. Questi mantengono la promessa di una camera compatta come la Canon G7X o la Sony RX100 III, con un sensore di ottima qualità che permette di fare foto eccellenti in situazioni di luce scarsa.

3- Fotocamere con nuovi software e hardware per migliorare il campo visivo.

Lytro ci ha mostrato che questo è possibile e quest’anno vedremo software che ne simuleranno l’effetto, così come ci saranno nuovi hardware per foto e video. Cè la possibilità che si annulleranno completamente le differenze tra foto e video, così come li conosciamo oggi.

4- Nuove fotocamere per i dispositivi Android. 

I produttori più piccoli capiranno che è molto pi conveniente utilizzare Android come software per la grande quantità di componenti invece di costruire tutto da zero – firmware, logica di elaborazione, hardware e così via. I player più piccoli e le fotocamere entry-level utilizzeranno questo sistema operativo e nel giro di pochi anni un pezzo di mercato sarà Android-powered.

La tecnologia Android si concentrerà sul mercato delle fotocamere per dispositivi mobili e sarà rilasciata la versione dedicata di camere con questo sistema operativo, imitando il successo di Android One, un sistema integrato sui telefoni meno potenti nei mercati emergenti. Dato che il mercato è enorme, emergeranno nuovi produttori – HP, Amazon, Microsoft e una moltitudine di start-up che non esistono ancora oggi.

5-Balzeranno fuori avanzati strumenti professionali per i consumatori.

Gli strumenti disponibili sui nostri telefoni già producono risultati più veloci di ciò che fanno i nostri computer portatili.

Google Photo Sphere è un’applicazione abbastanza specializzata che utilizza un sacco di algoritmi per creare immagini panoramiche a 360°, cosa che era possibile alcuni anni fa solo con elaboratori molto sofisticati. Questa attenzione alla specializzazione porterà le app precedentemente inaccessibili in cerca di risultati professionali per le masse.

6- Fotocamere costruite per degli obiettivi specifici.

Questo sarà un altro grande salto avanti. Vi saranno camere d’azione o camere per esigenze specifiche. Mentre i prezzi scenderanno vedremo telecamere di azione a 100$, Polaroid Cube più economiche e fotocamere più specializzate per i motociclisti, surfisti, kite surfer e così via.

Per l’articolo in lingua originale clicca QUI

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui social!