Dalla Puglia all’Olanda per scoprire nuovi luoghi: l’intervista a Sara Cardellicchio

Dalla Puglia all’Olanda per scoprire nuovi luoghi: l’intervista a Sara Cardellicchio

Raccontaci brevemente di te

Sono Sara, ventiduenne pugliese espatriata in Olanda dove vivo con il mio ragazzo. Ho tante, forse troppe passioni, ma la più grande è sicuramente la fotografia. Inoltre amo viaggiare. Come dice la mia biografia Instagram potrei riassumermi in un  “chasing adventure, capturing moment”: amo andare a caccia di avventure, scoprire nuovi luoghi e catturare momenti con la mia macchinetta.

Come ti sei avvicinata al mondo della fotografia e cosa rappresenta per te?

Mi è sempre piaciuto guardare gli scatti di famiglia (che sono tipo un miliardo) per l’odore della fotografia stampata sulla carta, le emozioni che trasmettono e i ricordi che portano alla mente. Circa 5 anni fa, dopo aver messo da parte i miei risparmi per mesi, sono riuscita a comprarmi la mia prima reflex. Non avevo la più pallida idea da dove iniziare. Da quel giorno ho cominciato a studiare, leggere tutorial, libri, qualsiasi cosa potesse aiutarmi a migliorare. Ed é ciò che faccio tutt’oggi. La fotografia é una parte di me, della mia persona: quando guardo attraverso il mirino mi sento più “me stessa”.

Ci puoi mostrare una foto importante per te e che significato ha questo scatto?

Questa foto l’ho scattata lo scorso anno a Delft, in Olanda. Mi piace perché è una foto non studiata. Stavo semplicemente scattando una foto alla piazza quando questi due ragazzini sono diventati i protagonisti della scena. Mi trasmettono felicità e mi fanno pensare all’amicizia. Il tutto avvolto dal tramonto: i raggi del sole sono finiti sulla ruota della bicicletta di uno dei ragazzini. È una foto vera, tranquilla, in uno scenario prettamente olandese (bici e case tipiche).

C’è un fotografo a cui ti sei sempre ispirata?

Onestamente no. Ciò che mi ispira è la loro capacità -in generale- di avere un proprio stile così forte e personale che la gente, semplicemente guardando una loro foto, possa riconoscerli (come nel caso del grande Steve McCurry).
Non mi sono mai focalizzata su un unico artista, cerco sempre di capire cosa ognuno di essi voglia esprimere, così da poter lavorare sul mio stile personale e magari, un giorno, poter ispirare qualcuno.

Ci puoi dire il profilo che ti piace di più su Whoosnap?

Senza batter ciglio dico Benedetta Mariotti (@benedettam92) che non é solo il profilo che preferisco per le sue foto emozionanti, ma anche la ragazza che mi ha fatto involontariamente scoprire Whoosnap.

Vuoi dare qualche consiglio ai nostri utenti Whoosnap per diventare premium sulla nostra piattaforma?

Innanzitutto tenete sempre d’occhio i Challenge, caricate foto pertinenti e soprattutto di buona qualità. Curate la vostra galleria e usate gli hashtag in modo intelligente, così che la gente con una determinata esigenza fotografica possa trovare facilmente le vostre fotografie. Ricordatevi di non demoralizzarvi mai ma di guardare i lati positivi: se la vostra foto non è stata comprata è un ottimo pretesto per scattarne una migliore!
Ma soprattutto, divertitevi! Invitate i vostri amici e usate le Challenge anche come sfide personali per migliorarvi.

Se ti è piaciuta questa intervista, leggi anche quella di @GiulioPugliese

All rights reserved © Whoosnap