Il lato noir di New York sul rullino di Jason Langer

Il lato noir di New York sul rullino di Jason Langer

Le immagini suggeriscono un misterioso omicidio, o almeno una trama intricata degna di un film giallo. La verità, tuttavia, è di gran lunga più innocente. Queste fotografie sono state scattate da Jason Langer a New York City durante una visita ad alcuni amici. I soggetti sono principalmente estranei. Ma, per esempio, l’uomo che si vede correre lungo la via è il migliore amico di Langer, l’attore Matt Ross, che corre nella zona di Chinatown.

 

Jason Langer scatta a pellicola; uno dei benefici, a sentire il fotografo, è che non sai esattamente cos’hai catturato nel momento esatto dello scatto. “Settimane più tardi, dopo aver sviluppato il rullino e aver tirato fuori dei provini, vedi finalmente le fotografie e la domanda più spontanea a volte è: sono stato miracolato, oppure no?”

 

“Twenty Years”, è il libro pubblicato quest’anno da Radius Books che ripresenta la prima rassegna del suo lavoro, incluse dozzine di momenti romantici e mozzafiato. Sebbene siano relativamente recenti, molti degli scatti sembrano presi da vecchi film in bianco e nero. In effetti, Langer è stato profondamente influenzato dai film noir, e dalla cultura cinematografica in generale, soprattutto da pellicole come “Ultimatum alla Terra” (1951), “L’altro uomo” (1951) e “Il gabinetto del dottor Caligari” (1920). Anche se giura di non aver preparato scatti noir di proposito, e neanche di averli cercati.

 

Sono attratto maggiormente dalle somiglianze, perché è il modo più semplice per raggiungere concetti universali: uomo, donna, un uomo in strada, una donna in casa propria”, dice. “Se cerchi l’universalità, mantieni più semplicità possibile”. Queste sono solo alcune foto di Jason Langer, per scoprire l’intero progetto e altri lavori fotografici potete visitare il suo sito ufficiale: www.jasonlanger.com

 

Tutte le immagini di proprietà di © Jason Langer