Intervista alla Whoosnapper Debora Ottino

Qualche domanda alla nostra Whoosnapper Debora Ottino

Presentati in qualche parola!
Mi chiamo Debora, ho 19 anni e vengo da un piccolo paesino in provincia di Biella. Mi sono diplomata quest’anno al Liceo Artistico, e da ciò si può dedurre il mio interesse verso l’arte ed ogni cosa che gira attorno ad essa, tra cui, appunto, la fotografia.
Come ti sei avvicinata al mondo della fotografia e cosa rappresenta per te?
Mi sono avvicinata a questo mondo fin da piccola, da quando fotografavo ogni singola cosa, dal dettaglio del laccio di una scarpa a un paesaggio, e fiera facevo stampare le mie “creazioni”. Ora, grazie allo sviluppo della tecnologia e quindi alla diffusione di smartphone, app ecc… posso dare sfogo e condividere col mondo intero il mio modo di vedere le persone, gli oggetti e qualsiasi cosa possa essere immortalata: per me una foto rappresenta la cattura di un emozione, di un attimo speciale e particolare; qualcosa che, ogni volta che la guardi, ti riporti esattamente nel luogo e nel tempo in cui l’hai scattata.
Ci puoi mostrare una foto importante per te e cosa significa per te questo scatto?
Questa è una delle mie foto più importanti e significative: mi trovavo in Ghana (Africa) durante una giornata di mare qualsiasi,a casa di amici; lasciata sola dagli uomini andati in barca, ho indossato – come mio solito – la mia Canon al collo e ho iniziato a girarmi attorno alla ricerca di qualche dettaglio da immortalare…ed è eccolo lì, un bambino sul molo dell’abitazione di fianco (che fino ad allora era intento a ballare e tuffarsi dentro e fuori dall’acqua) si era accorto di me, di quella straniera che fotografava anche l’invisibile. Ha iniziato a posare come un piccolo modello sfoderando i più sinceri sorrisi che io abbia mai visto in un bimbo; è inutile dire come questa scena mi abbia scaldato il cuore e mi abbia fatta riflettere: pur non avendo niente, queste persone riescono a sorridere con una gioia tale che ti entra dentro, e ti fanno capire che, infondo, tutti i tuoi vizi e le tue pretese non sono niente confronto a ciò che veramente ha valore nella vita.
C’è un fotografo a cui ti sei sempre ispirata?
Non c’è un fotografo preciso al quale mi sono ispirata, ma semplicemente più “amanti” della fotografia come me, che si esprimono in maniera impressionante,e che quindi seguo e ammiro, cercando di imparare: amo osservare i dettagli visti dagli occhi degli altri e immaginare come, talvolta, li avrei colti io.
Ci puoi dire il profilo che ti piace di più su Whoosnap?
Sono nuova su Whoosnap, perciò non ho ancora avuto modo di individuare il profilo che mi piace di più, però due utenti in particolare mi hanno colpita, perché come “stile” di foto e organizzazione della gallery mi rappresentano abbastanza: @benedettam92 e @GiulioPugliese. Infatti, per me è molto importante l’impressione che un profilo da, al primo impatto, perché da quella che decido se dedicarmi alla visione delle foto o evitarlo direttamente. Esigo che ci sia un’ “armonia cromatica” tra ogni foto, un filo conduttore che dia un senso al profilo e, in qualche modo, comunichi il mio stile e i miei interessi, come sono io insomma.
Vuoi dare qualche consiglio ai nostri utenti Whoosnap per diventare premium nella nostra piattaforma?
Il consiglio che potrei dare è quindi questo: individuate il “filtro” dominante per le vostre foto e cercate di creare una gallery uniforme, fatta di “voi”, della vostra più strana visione delle cose e dalla vostra creatività.

All rights reserved © Whoosnap

Join the discussion One Comment