Mobile Photography, consigli per scatti da ricordare

Mobile Photography, consigli per

scatti da ricordare

Dall’arrivo sul mercato dei primissimi modelli di smartphone la nostra esistenza si è trasformata.
Quanti di voi al ristorante hanno visto fotografare un piatto prima di assaporarlo? O quanti, davanti ad un evento particolarmente importante (compleanno, laurea, matrimonio, ect.), hanno visto parenti ed amici estrarre il cellulare per fare una foto?
Il momento è lì, e si presta ad essere documentato.
Questo è il bello della mobile photography, riuscire a “frizzare” un istante e portarne con sé sensazioni, colori ed odori. Tutto nella tasca dei jeans.
Anche se questa “nuova arte” viene vista con diffidenza da alcuni fotografi professionisti, essa ha dei nobili precetti che derivano proprio dalla “fotografia classica”.
Ecco alcuni consigli su come scattare una buona foto.

1) Seguire la regola dei terzi. Gli smartphone ormai hanno adottato la griglia che divide l’immagine in quadranti quindi diventa più semplice posizionare i punti di interesse sulle intersezioni delle linee. Come si vede nella foto;

2) Utilizzare le linee naturali così da guidare l’occhio verso il punto di interesse;

3) Sfruttare le linee diagonali, che possono creare un effetto di movimento e dinamismo nella foto;

4) Sfruttare le cornici naturali (alberi, montagne, ect.) o artificiali (porte, finestre, ect.);

5) Creare armonia grazie alla simmetria; 

Questi e altri consigli, dati direttamente dal grande maestro Steve McCurry in un video possono aiutarvi a dare il meglio nei vostri scatti, anche con Whoosnap.