Tra gli stravaganti vicoli di Hong Kong con Michael Wolf

Tra gli stravaganti vicoli di Hong Kong con Michael Wolf

 

 

 

[Tratto da Feature Shoot]

A Hong Kong, dove vivono mediamente 6,700 persone in un singolo chilometro quadrato, lo spazio personale è troppo importante per essere sprecato.
Il fotografo tedesco Michael Wolf, che ha vissuto nella città per 22 anni, ha sviluppato una fascinazione per le confortanti piccole stravaganze nascoste nei vicoli di Hong Kong, dove si può cogliere la quiete del momento prima di entrare di nuovo nell’impeto della strada principale.

Il nuovo libro di Wolf, intitolato “Informal Solutions – Observations in Hong Kong Back Alleys”, è stato pubblicato a Gennaio di quest’anno e contiene 1637 immagini a colori, il risultato di tredici anni di esplorazione di vicoli.

Questi vicoli multifunzionali, nonostante siano spesso non più larghi di qualche piede, rappresentano un luogo unico. Lavoratori in pausa a fumare tra un turno e l’altro. Bucato steso ad asciugare. Guanti di gomma e pesci appesi a prendere aria. Giardini sospesi in una combinazione di orchidee e appendiabiti. Scope appoggiate ai muri dei vicoli per evitare che cadano.

Wolf ha iniziato il suo progetto 13 anni fa. La sua curiosità lo ha portato nei vicoli di Hong Kong, una terra di nessuno dove il governo non interviene; un habitat naturale e indisturbato dei lavoratori. Nelle sue immagini, Wolf rivela la creatività nascosta dei residenti dovuta alla necessità di improvvisare soluzioni domestiche per combattere il problema della densità della popolazione. Le autorità vedono i vicoli come una macchia sull’altrimenti incontaminato panorama urbano e hanno intenzione di sgomberarli per renderli canali puliti per i pedoni, ma per i residenti che frequentano i vicoli, non sono niente di meno che estensioni della propria casa.

Tutte le immagini di proprietà di © Michael Wolf